50 anni

Cari amici il modo più bello di festeggiare “i nostri primi 50 anni” è riviverli con voi.
Iniziamo il nostro viaggio con la testimonianza di Clara e Walter Cavallini, i fondatori di Come Noi.

“Quando nel maggio del 1966 siamo partiti per l’India, la nostra preoccupazione più grande non era certamente quella di far nascere un gruppo: altri erano i progetti che occupavano la nostra mente e il nostro cuore, altre le difficoltà che dovevamo scoprire, affrontare e superare, altre le emozioni che dovevamo dominare. Siamo partiti senza sapere bene quello che ci aspettava. La nostra sensibilità non era certo indifferente ai fermenti culturali e politici di quegli anni, fermenti che interessavano i problemi del sottosviluppo e quelli dell’emancipazione dei paesi coloniali, ma non avevamo certo le idee molto chiare su quello che avremmo potuto concretamente fare per realizzare il nostro desiderio di un intervento non sporadico, non esclusivamente assistenziale, finalizzato soprattutto a creare le condizioni per una crescita verso l’autonomia. L’impatto con queste realtà sconosciute nella loro concreta situazione di povertà estrema, fu veramente forte, in particolare veder materializzato in quei poveri bambini la sofferenza di tanta parte del mondo. Non dimenticheremo mai quei visetti sorridenti, malgrado tutto, la loro povertà esibita senza malizia. Come Noi è nato lì, piccolissima risposta alle speranze loro e del mondo di cui erano drammatica espressione, un loro dono.”