Sud Sudan Juba

Scopo del progetto è la messa a coltura di un terreno di proprietà dei Salesiani di Don Bosco, a Juba, capitale del Sud Sudan.
Si tratta di un terreno fertile, che non necessita di investimenti per l’irrigazione, con una estensione di circa 100 ettari, in parte occupati da costruzioni.
Come Noi inizierà mettendo a coltura i primi 20 ettari nel 2016/17.
A coltivare il terreno provvederanno le donne di un vicino campo di rifugiati, in cui vivono circa 5.000 persone, prevalentemente donne e bambini.
All’avvio del progetto, previsto nei prossimi mesi, circa 100 donne, cui saranno garantiti i pasti per 250 giorni, seguiranno corsi di addestramento per imparare a lavorare la terra.
Il dissodamento iniziale del terreno verrà effettuato da personale specializzato che si avvarrà del trattore e degli attrezzi messi a disposizione dal finanziamento di Come Noi.
Lo stanziamento previsto in questa prima fase, copre:
– acquisto in Italia e spedizione a Juba di un trattore e dei relativi accessori, degli attrezzi per le donne ( vanghe, zappe ecc.) e di sementi, per un totale di  € 23.900
– selezione di 100 donne a cui fare la formazione ed affidare la coltivazione, garantendo loro i pasti per 250 giorni, con costo pari a circa € 20.000
– retribuzione di 2 periti agrari per la formazione delle donne partecipanti: € 2.400.