Congo – Il mio Natale “A CASA”

di Aimée Ngoma

Questo Natale i miei fratelli del Congo con cui non festeggiavo il Natale da 20 anni (cioè da quando sono arrivata in Italia ), tutti insieme mi hanno regalato un biglietto aereo per raggiungerli per le feste. Sono stata felicissima di trascorrere del tempo con loro dopo tantissimo tempo ed anche di riabbracciare un fratellino che da 30 anni non vedevamo  perché si era trasferito da piccolo in Angola e non ne avevamo più avuto notizie.
Naturalmente non ho mancato di visitare le donne del progetto Femme Lève toi, al villaggio e nel nuovo Hangar costruito sul terreno coltivabile che si trova a circa 4 km dal villaggio.
L’hangar è funzionante e tenuto con grande amore, tutto intorno le donne han fatto un bel battuto di ghiaia per salvare il terreno quando piove copiosamente .
Al villaggio invece le fortissime piogge hanno distrutto il nuovo orto per le verdure iniziato in estate da 5 donne, sarà tutto da ricominciare questa primavera. Al momento le necessita più grandi sarebbero: un piccolo mezzo a motore per portare le verdure al mercato, si spende infatti quasi il 50% del guadagno in trasporto, ed anche, col tempo, una scuola per poter istruire almeno i bimbi delle prime classi elementari più vicino a casa e con minor spesa. Purtroppo i costi dell’edilizia sono arrivati alle stelle, basti dire che un sacco di cemento costa circa 50 dollari… una follia, stiamo dunque cercando qualche idea alternativa e anche qualche finanziamento!